Diretto da Trent Correy (animation supervisor di Olaf in Frozen 2 – Il Segreto di Arendelle) e Dan Abraham (story artist), è in arrivo sulla piattaforma Disney+ il cortometraggio (8 minuti) La Storia di Olaf.

Se c’è un – unico – motivo valido per vedere Frozen è proprio il pupazzo di neve Olaf, stravagante filosofo con una visione ironica e innocente del mondo.

Comunque Olaf è il personaggio più simpatico della saga glaciale, cioè vince la partita a mani basse sulle due sorelle del Regno di Ghiaccio.
Si parte da qui: cosa è successo a Olaf dal momento in cui Elsa lo ha creato mentre cantava “All’Alba Sorgerò” e costruiva il suo palazzo di ghiaccio e quando Anna e Kristoff l’hanno incontrato per la prima volta nella foresta? E come ha imparato ad amare l’estate?

Un cortometraggio di 8 adorabili minuti come adorabile è Olaf, pupazzo di neve che ama gli abbracci calorosi.
La Storia di Olaf inizia mentre Elsa sta cantando la celeberrima canzone Let it go, durante la quale la futura regina ha usato la sua magia per dare vita al pupazzo di neve che lei e sua sorella avevano fatto da bambine. Mentre Elsa si allontana e continua a cantare, Olaf prende vita e intraprende un cammino molto avventuroso, su un percorso tortuoso, che lo porterà poi a incontrare Anna. Durante questo suo viaggio alla scoperta di sé, emozionato perché vivo, ma incerto perché non si conosce, insomma è appena nato, si pone non poche domande esistenziali.

La Storia di Olaf è una chicca molto divertente. Nulla di rivoluzionario, ma regala 8 minuti di risate. E scusate se è poco di questi tempi!

 

Nella versione italiana del corto l’attore e regista Enrico Brignano presta ancora una volta la propria voce a Olaf, mentre l’attrice e cantante Serena Autieri e l’attrice, cantante e conduttrice televisiva Serena Rossi tornano ad interpretare rispettivamente le sorelle Elsa e Anna.

Il corto animato dei Walt Disney Animation Studios La Storia di Olaf arriva in esclusiva su Disney+ dal 23 ottobre 2020.