Dieci anni fa nasceva l’Associazione Culturale Archivio Carlo Montanaro, dal 2019 affiliata al Cinit Cineforum Italiano, per celebrare nel 2011 grazie ad un finanziamento della Regione Veneto il centenario della nascita di Francesco Pasinetti. Il 2010 è stato, anche, l’anno in cui ha preso il via il progetto che ha portato al restauro (con Istituto LUCE/Cinecittà, Cineteca Italiana e Cineteca Nazionale) dei suoi film, soprattutto cortometraggi, che vennero resi disponibili in un cofanetto, all’inventario del Fondo Fotografico curato dallo scomparso Alberto Prandi, e a molti altri eventi multimediali.

Le diverse attività del giovane Pasinetti furono oggetto di approfondimento, e portarono alla riscoperta di un altro Pasinetti, che nell’Italia degli anni Trenta e Quaranta del secolo scorso si misura sia come autore che come regista con la prosa e la lirica. È un percorso che si snoda in parallelo e, per tanti versi, si scopre complementare al più conosciuto impegno di critico e regista cinematografico, ricostruito poi dalla studiosa veneziana Luisa Pagnacco in una corposa pubblicazione Francesco Pasinetti Oltre il cinema. Le vicende teatrali fra lirica e prosa.

I materiali faticosamente ritrovati hanno consentito allo scrittore Giovanni Montanaro di elaborare raccontare, raccontare Francesco… un collage di estratti di commedie collegati alla vita (1911- 1949) e alle molte frequentazioni di Pasinetti. Nell’ottobre del 2012 questa drammaturgia ha avuto una sola rappresentazione al Teatro Goldoni di Venezia. Nell’interpretazione di Pierpaolo De Mejo, nipote di Alida Valli (una delle scoperte di Pasinetti professore al Centro Sperimentale di Cinematografia), con Giulia Briata e Andrea Tonin. Antonio Pintus, riprendendo sia la prova generale che la performance, ha potuto costruire una fedele memoria dello spettacolo.

L’Associazione Culturale Archivio Carlo Montanaro, l’Ateneo Veneto di Venezia e il critico cinematografico Roberto Ellero mettono a disposizione sul canale YouTube quest’opera che ripercorre la creatività e la vita di una figura di assoluto rilievo e riferimento per il cinema e lo spettacolo dal vivo in Italia nella prima metà del ‘900.