“Ritornato”, mediometraggio di Michael Cavalieri alla ricerca delle proprie origini

Il desiderio e la necessità di scoprire le proprie radici e le proprie origini, lontane nel tempo e nello spazio, sono i  motivi per i quali Michael Cavalieri, va a ritroso nella storia dell’amato nonno, emigrato nel 1921 a New York, avendo come unico indizio nome e cognome: “Agatino Alibrandi”. 

In Ritornato, girato nel piccolo paese di Limina e proiettato in pubblico per la prima volta nei giorni scorsi a S. Alessio Siculo, , il regista americano ci mette dentro tanto amore e con cuore appassionato intreccia i ricordi del proprio passato e le testimonianze dei paesani con la felice scoperta di ritrovati parenti; e così, finalmente, ricostruisce la sua piccola storia e fa pace con il suo passato. 

Numerosi gli intervenuti all’evento organizzato nei giorni scorsi dalla Proloco di S. Alessio Siculo e dal Cinit-Cineforum Italiano, tenutosi presso il salone delle conferenze dell’Elihotel; tra il folto pubblico presente, molti interpreti della fiction e il regista Fabrizio Sergi che ha collaborato nelle riprese e nella produzione.

Ha coordinato i lavori Massimo Cicala, critico ed esperto di cinema, che ha moderato gli interventi e ha curato lo svolgersi della serata. 

Hanno porto il loro saluto i sindaci di Limina, Filippo Ricciardi, e S. Alessio S. Domenico Aliberti, l’On. Calogero Leanza della Regione Siciliana e, infine, Pina Basile, neopresidente della Proloco e Massimo Caminiti, presidente del Cinit.