Splendori dal “Bel Paese”

Un DOCU-FILM sulla Villa Visconti Borromeo Litta di Lainate

Grande successo di critica e calendario ricco di appuntamenti in Italia e nel mondo, con prestigiose collaborazioni tra cui l’Ambasciata d’Italia a Washington e l’Ermitage di San Pietroburgo, per la presentazione del Docu-Film dedicato alla celebre Villa di Lainate, tra storia e arte. Un importante e prestigioso calendario, fitto di appuntamenti, è quello che aspetta nei prossimi mesi il Docu-Film “Villa Visconti Borromeo Litta. Quattro secoli di storia, un viaggio nel tempo tra delizie arte e giochi d’arte”, diretto da Francesco Vitali e scritto con la collaborazione di Claudia Botta.

Dal 20 febbraio fino a settembre presentazioni, concerti e proiezioni a Washington, San Pietroburgo, Milano, Mantova e Bologna, a cui si aggiungono due serate tematiche a Villa Visconti Borromeo Litta a Lainate e la messa in onda sul canale SKY ARTE HD nel corso della primavera. Le città dove verrà presentato il docu-film sono state scelte per il legame con la storia della Villa e dei suoi abitanti, o per ospitare opere che facevano parte della Collezione Visconti Borromeo, come la Madonna Litta attribuita a Leonardo oggi custodita all’Ermitage di San Pietroburgo oppure  le due sculture in bronzo Bacco e Venere attribuite a Francesco Brambilla il Giovane oggi alla National Gallery di Washington.

Liberamente tratto dal volume di Alessandro Morandotti Milano profana nell’Età dei Borromeo, il Docu-Film è prodotto da Francesco Vitali, Comune di Lainate, Associazione Amici di Villa Litta Onlus e Roadmovie. “Villa Visconti rappresenta un patrimonio artistico e culturale di valore assoluto per il nostro territorio e constatare che oggi, grazie anche al progetto del Docu-Film diretto da Francesco Vitali, questa immensa ricchezza viene conosciuta e riconosciuta da enti e realtà museali di primaria importanza in Italia e nel mondo diventa ulteriore motivo di orgoglio. Gli immensi tesori artistici che la villa custodisce e quelli che ha custodito, oggi esposti in gallerie e musei internazionali, sono finalmente uniti da un filo rosso che il Docu-Film ha tessuto con chiarezza. È il filo rosso dell’arte e della meraviglia di cui la nostra cultura italica va fiera e di cui con altrettanta fierezza Villa Visconti Borromeo rappresenta piena espressionesostiene Ivo Merli, Assessore alla Cultura del Comune di Lainate.

Protagonista è l’antica Villa di Lainate, ideata e costruita dal Conte Pirro tra il 1585 e il 1589, che viene rappresentata da una voce femminile fuori campo e che guida lo spettatore attraverso le trasformazioni avvenute nel tempo, in un contesto storico sociale di una Milano ricca di avvenimenti. La voce descrive il patrimonio artistico e culturale della Villa nel corso dei secoli, focalizzando l’attenzione sull’aspetto architettonico ed artistico – dice Francesco Vitali – Il film documentario mostra la meravigliosa ascesa della Villa, le vicende legate alla sua costruzione e le importanti figure storiche che l’hanno visitata e vissuta nel corso dei secoli. Si alternano interviste con esperti d’arte, di storia e costume, con immagini della villa come la vediamo oggi, e con immagini d’archivio. Contribuisce alla narrazione il Prof. Alessandro Morandotti, importante studioso e critico d’arte, che ha ricostruito la storia della Villa e del suo fondatore Pirro I Visconti Borromeo fin dagli anni ‘80. Un importante contributo al Docu-Film, viene dato dagli eredi Litta rappresentati da Giorgio Picozzi”

Saranno molti gli appuntamenti nazionali e internazionali già in programma (altri sono in fase di definizione) dedicati alla presentazione del Docu-Film e alla diffusione delle meraviglie di Villa Visconti Borromeo Litta, in location e luoghi prestigiosi, con altrettanto prestigiosi partner, entusiasti di contribuire a diffondere un importante pezzo di cultura italiana, attraverso uno dei luoghi simbolo del tardo ‘500 italiano.

Proiezioni, concerti e incontri per presentare la ricca storia e la cultura protagoniste della villa nei secoli. Una storia caratterizzata da una incredibile ascesa culturale e artistica, da personaggi storici che l’hanno attraversata e vissuta, da bellezze e meraviglie, da prodigi della tecnica che hanno portato alla realizzazione del celebre Ninfeo.