Dopo l’intenso dramma romantico La vita segreta delle api, Gina Prince-Bythewood dirige una storia a metà strada tra Highlander, film di spionaggio e supereroi.
Il risultato è un film veramente divertente, fatto di intrattenimento e colpi di scena, tratto da una graphic novel (2017) scritta da Greg Rucka (che qui è anche sceneggiatore e produttore esecutivo) e illustrata da Leandro Fernandez.

Charlize Theron è Andy – Andromache of Scythia – una guerriera con più anni di quanto un essere umano può immaginare, basti pensare che un tempo era venerata come una dea. È un soldato immortale, non c’è ferita che nel giro di breve non le guarisca. Come lei, e legati a lei, ci sono Joe (Marwan Kenzari) e Nicky (Luca Marinelli), che hanno combattuto l’uno contro l’altro durante le Crociate, e l’ultimo arrivato Booker (Matthias Schoenaerts) che ha conosciuto Napoleone. Da secoli sopravvivono. Non hanno codici morali. Alla domanda se sono i buoni o i cattivi, rispondono: “Dipende dal secolo”.

Nel momento corrente sono una squadra di mercenari reclutati per risolvere casi delicati e complicati. Vengono chiamati dall’ex agente della CIA Copley (Chiwetel Ejiofor) per salvare 17 scolare rapiti nel Sud Sudan (c’è un riferimento alle ragazze rapite dai miliziani di Boko Haram del 2014 in Nigeria). La missione è una trappola, messa in atto da un individuo che vuole conoscere il segreto dei soldati immortali.

Courtesy of Netflix/NETFLIX © 2020

Dopo essere riusciti a sfuggire, i quattro, durante il sonno, hanno la visione di un altro soldato immortale come loro (è sempre così, telepaticamente, che si sono connessi e conosciuti nel corso degli anni). È una giovane soldatessa in Afghanistan, Nile Freeman (KiKi Layne), ferita a morte alla gola e sopravvissuta. Anche lei è una “di loro” e viene reclutata, non senza una certa diffidenza e paura iniziale da parte di Nile.

Il reclutamento di Nile è il pretesto per ognuno di raccontare la loro storia e come si sono conosciuti.
Ora la nuova missione è trovare chi vuole incastrarli.

The Old Guard arriva su Netflix il 10 luglio, inspiegabilmente vietato ai minori di 14 anni.
Gina Prince-Bythewood ha imbastito un film fatto di umorismo, combattimenti e anche un velo di malinconia (who wants to live forever?).
È un film d’azione efficace, che sa intrattenere e non annoiare.

Certo, già visto e sentito in altre salse, ma comunque procede a passo spedito, con un assemblaggio originale di cast.
Il finale del film è aperto a un sequel o addirittura potrebbe esserci materiale anche per una serie tv.