Un film letteralmente “al passo” con i nostri tempi, fatti per sempre più persone di cammini lenti, zaini in spalla, piedi dolenti e cuori rasserenati.

E se già intraprendere un cammino – come quello di Santiago, ad esempio – costituisce una bella sfida, ancora più intensa si rivela l’avventura di Ti porto io, il film documentario del 2017 che racconta l’impresa epica di Patrick e Justin lungo il cammino di Santiago e che esce in questi giorni in Italia.

Perché epica? Perché Justin vive su una sedia a rotelle, e sarà Patrick, il suo migliore amico, a spingerlo lungo tutti gli 800 chilometri del famosissimo cammino nel nord della Spagna.

Da quel semplice “I’ll push you” (titolo originale dell’opera) nasce un film che esplora il significato dell’amicizia e il potere della comunità.

Dalla scheda del film: “Ti porto io non è soltanto la storia di un uomo “normalmente” abile che ne spinge un altro “diversamente” abile su una sedia a rotelle per 800 chilometri. È anche la storia di due amici che hanno trascorso tutto il tempo del loro viaggio a “spingersi” a vicenda a essere persone migliori. Attraverso il loro coraggio e la loro dignità, Justin e Patrick ci ricordano che siamo più forti insieme che da soli. In fin dei conti, tutti abbiamo bisogno di una spinta”.

Il documentario è diretto da Chris Karcher e Terry Parish e vede protagonisti Patrick Gray, Justin Skeesuck, Ted Hardy e Michael Turner. È una produzione Spagna – Usa e in Italia viene distribuito da Mescalito Film; una casa di distribuzione che così dichiara la sua missione: “Non c’è nessuna forma d’arte come il cinema per colpire la coscienza, scuotere le emozioni e raggiungere le stanze segrete dell’anima”.

Per vedere le tappe del fim in Italia si può seguire la pagina Facebook di Mescalito Film: https://www.facebook.com/pg/mescalitofilm/events/