Trieste Science+Fiction Festival 2018: Godblesscomputers sonorizza dal vivo “A trip to Mars” del 1918

Sabato 3 novembre alle 20.00 al Teatro Miela, il Trieste Science+Fiction Festival ospita in anteprima assoluta la sonorizzazione dal vivo dell’artista di musica elettronica Godblesscomputers per la pellicola “A Trip to Mars” (Himmelskibet, 1918) di Holger-Madsen, il primo lungometraggio di Fantascienza della storia del cinema, che quest’anno compie 100 anni.
Godblesscomputers, all’anagrafe Lorenzo Nada, racconta l’esperimento tra musica e cinema che andrà in scena a Trieste affermando che “per un musicista partire dalle immagini piuttosto che dalla musica è una sfida al proprio processo creativo, perché spesso è proprio la musica ad evocare paesaggi e immaginari, a trasportare lontano. Quando si parla di sonorizzazione cinematografica è immediato invece partire dal dato visivo, decodificando il suo immaginario di riferimento”.
Per il film “A Trip To Mars” il punto di partenza è stato riuscire ad entrare in una logica narrativa distante nel tempo, quello del cinema muto all’inizio del secolo scorso: si trattava di un mezzo comunicativo nuovo, già di per sé fantascientifico per l’epoca, indissolubilmente legato alla musica. Questo rende il tentativo di una nuova sonorizzazione contemporanea più problematica ma anche stimolante, rispetto alla quale l’artista bolognese ha cercato di dare una lettura personale a un film di fantascientifico che però visto oggi, nei suoi costumi, nelle espressioni, nelle scenografie riporta a cento anni fa.

Il duplice viaggio che caratterizza il progetto, verso Marte, nello spazio, ma anche nel tempo, ha influenzato l’approccio del musicista, il quale ha ideato un tessuto sonoro basato su una palette di suoni caratterizzanti, i tipici sintetizzatori da film di genere che abbiamo tutti nel nostro immaginario, uniti ad atmosfere spaziali senza tempo, lasciando spazio ad armonie e tensioni, climax cinematografici, per sottolineare la drammaticità delle espressioni dei volti, delle scene e delle ambientazioni.

CONDIVIDI
Articolo precedenteTrieste Science+Fiction Festival 2018: “Spazio Italia” tra corti e anteprime
Giornalista pubblicista iscritto all'Albo dei Giornalisti del Veneto dal 2010. Vincitore del concorso di critica cinematografica "Premio Alberto Farassino" nel 2008 e selezionato fra gli autori pubblicati nel volume "53 esordi critici" (ed. Lampi di stampa, 2009), collabora con la rivista online NonSoloCinema dall'autunno del 2007. Appassionato di cinema classico, ha concentrato l'attività di collaborazione per la Sezione Cinema partecipando come inviato a numerosi festival cinematografici. Dal 2009 è Presidente dell'associazione culturale Cineforum Labirinto, aderente al CINIT - Cineforum Italiano, che organizza proiezioni, corsi e incontri cinematografici nella città di Treviso.