Erasmus è un eccentrico presentatore di un programma di cucina prodotto con il compagno di una vita, Paul. La coppia ha una vita stravagante scandita da feste sfarzose e costanti battibecchi. Questa loro routine viene interrotta quando alla porta bussa un bambino, Bill, nipote di Erasmus.

Bill è figlio di Dale, che non vede suo padre Erasmus da tanti anni; siccome ha una serie di conti aperti con la giustizia, manda il figlio a casa del nonno, in modo che questi possa prendersi cura del nipote. Il bambino, dal carattere non molto facile, metterà a dura prova la vita di coppia di Paul ed Erasmus. Ma proprio da questa nuova responsabilità, la loro unione diverrà più forte.

A Modern Family è il film più personale che io abbia mai diretto”, questo ciò che afferma il regista Andy Fleming sul suo film, storia di una coppia gay che diventa una famiglia. “È un film di finzione composto da idee, personaggi e momenti che io stesso ho vissuto”. Coogan e Rudd fanno del loro meglio in questa commedia banalotta che affronta un tema serissimo.
Il tono è giusto. La commedia è un più che valido mezzo per arrivare a fra breccia nel cuore di tutti; è uno strumento narrativo che se usato bene, con intelligenza e sensibilità, può raccontare temi urgenti e diventarne anche un manifesto. Ma qui il regista commette alcuni passi falsi. Troppe gag sciocche e alcuni stereotipi inutili abbassano il livello di A Modern Family.

 

 

 

 

Titolo originale: Ideal Home
Nazione: U.S.A.
Anno: 2018
Genere: Commedia, Drammatico
Durata: 91′
Regia: Andrew Fleming
Cast: Steve Coogan, Paul Rudd, Kate Walsh, Alison Pill, Jake McDorman, Lora Martinez-Cunningham, Sarah Minnich, Jesse Luken, Jenny Gabrielle, Jack Gore, Frances Lee McCain
Produzione: Remstar Studios, Baby Cow Films
Distribuzione: Adler Entertainment
Data di uscita: 12 Luglio 2018 (cinema)