Arriva nei cinema una piccola perla naturale, un docu-film che fa respirare a pieni polmoni l’animo dello spettatore.
Un tuffo nella natura attraverso gli occhi.
Scritto, diretto e “interpretato” dal fotoreporter John Chester, La fattoria dei nostri sogni mostra i primi 8 anni (si sono filmati giorno dopo giorno) dell’avventura del regista e della moglie Molly, ex cuoca e blogger, nella realizzazione di un sogno: costruire una fattoria, determinati a vivere in armonia con la natura.

Tutto nasce dalla promessa fatta a un cane, dopo averlo adottato in un canile: “non sarai mai più abbandonato”. Il problema è che l’adorabile trovatello in un appartamentino di Santa Monica abbaia tutto il giorno. Dopo averle provate tutte, John e Molly si vedono recapitare un avviso di sfratto, per il cane. Colgono l’occasione al balzo, convocano amici intimi e parenti stretti e chiedono di essere sovvenzionati per comprare un terreno, enorme, abbandonato in California, per renderlo la fattoria del loro sogni.
John documenta con la sua camera tutti i passaggi, selezionando immagini e video espressivi, teneri, significativi.
John e Molly partono da un terreno arido, con un sogno nel cassetto, poco esperti, ma convinti più che mai di non voler usare diserbanti o altri prodotti.
Oggi Apricot Lane, questo il nome della fattoria, si estende per oltre 200 acri e raccoglie circa 850 animali e 75 varietà di coltivazioni biodinamiche. Dal dicembre 2015 ospita anche Beauden, il primo figlio di John e Molly.
Ma non è stato tutto rose e fiori di zucca.
Con l’aiuto di un agricoltore esperto, Molly e John hanno costruito dal nulla un’enorme fattoria seguendo i criteri della coltivazione biologica e di una completa sostenibilità ambientale.
Tra mille difficoltà, momenti esaltanti e cocenti delusioni, hanno imparato comprendere i ritmi più profondi della natura, fino a riuscire nella loro formidabile impresa.
I coyote e la loro razzia del bestiame, galline e pecore, gli uccelli che beccano i frutti succosi, le lumache che divorano piante, le marmotte che proliferano e poi… gli incendi.

“È stata un’esperienza molto dura e piena di imprevisti – racconta Molly Chester – ma ha risvegliato in me una connessione con la natura di cui neanche ero a conoscenza. E questo è davvero straordinario. La lezione più importante che ho imparato è che conquistare e sradicare non sono strategie vincenti: collaborazione e comprensione lo sono. C’è sempre qualcosa che causa “problemi” nel rapporto con la natura, ma in realtà non sono problemi. Sono solo un modo in cui la terra ti sta spiegando quali sono le sue necessità, un gradino in più per raggiungere un’armonia più grande“.
E così errore dopo errore, problema dopo problema, la coppia si è resa conto che ripristinando l’ecosistema, non imponendo alla natura i propri scopi o la fretta umana, è la natura stessa che si auto-difende. Anzi diventa il loro più grande alleato. Con il rispetto della terra, fauna e flora hanno ridato avvio al ciclo della vita. Così sono arrivati i rapaci a far fuori gli uccelli che beccavano i frutti maturi, sono arrivate le civette a risolvere il problema delle marmotte, sono arrivate le oche a mangiare le lumache…
Per gli incendi… beh lì è stata questione di fede, nel cielo e nella terra, dopo che le fiamme di un terribile incendio californiano erano arrivate alle porte di casa di John e Molly, il vento è cambiato, portando via il pericolo…

Infaticabilmente, con duro lavoro e dedizione religiosa alla terra, John e Molly hanno realizzato un’avventura. Fotografia e montaggio catturano perfettamente il romanticismo del lavoro di questi due grandi lavoratori. E’ un film che riempie il cuore di speranza, perché non racconta una favola, mostra le difficoltà concrete, gli stati d’animo, il coraggio e la lotta costante di due agricoltori che non si arrendono.
La fattoria dei nostri sogni va promosso soprattutto nelle scuole.

 

 

Titolo originale: The Biggest Little Farm
Nazione: U.S.A.
Anno: 2019
Genere: Documentario
Durata: 91′
Regia: John Chester
Cast: John Chester, Molly Chester, Matthew Pilachowski
Produzione: Diamond Docs, FarmLore Films
Distribuzione: Teodora Film
Data di uscita:
05 Settembre 2019 (cinema)