Jesolo Music Festival – Quarta Serata

Il 1 agosto con Insolito Quartet e Rent

Quarto appuntamento con Jesolo Music Festival, rassegna di musica originale organizzata dal Gruppo OR8 in collaborazione con il Comune di Jesolo, che sta acquistando sempre più consenso portando in Piazza Aurora i migliori talenti del Veneto. Dopo il successo delle prime serate che hanno visto esibirsi The Beards, Down to Ground, Dioniso, Andrea Paglianti, Quarto Profilo e Anne Augustine & The Soul Glows il festival volge alla conclusione con l’esibizione degli ultimi due artisti finalisti prima della grande serata finale che si terrà sabato 8 agosto con la premiazione dei 3 artisti più originali, vincitori di 3 prestigiose esibizioni live organizzate in collaborazione con i partner del Festival, New Age Club, Fizzo Entertainment, NonSoloCinema (che il 4 settembre ospiterà uno dei vincitori nella serata-evento organizzata dalla testata durante la 66.Mostra del Cinema di Venezia) e con XLand Studio che darà la possibilità al vincitore assoluto di registrare presso il suoi studi avvalendosi dell’esperienza del sound engineering Sandro Franchin.

Ad aprire la seratad di sabato 1 agosto , alle 21.00, il “jazz” moderno e funkeggiante dei veneziani INSOLITO QUARTET, gruppo che nasce dal desiderio di proporre un approccio moderno al jazz, musica che si presta a mille definizioni e a infinite chiavi di lettura, guidato dalla grande voce, raffinata e potente di Sara Righetto. A Jesolo presenteranno Radici, album in italiano interamente autoprodotto, che raccoglie la produzione più originale e significativa del gruppo. Il jazz dell’Insolito non ha nulla di tradizionale, essendo legato al groove, al latin e al soul. Formatosi nel 2003 il gruppo ha avuto modo in questi anni di esibirsi nei locali, nelle piazze, sui grandi palchi, riuscendo sempre a farsi apprezzare per l’energia, l’allegria e l’estro originale degli arrangiamenti. Tra gli eventi da ricordare: gruppo di apertura per due anni consecutivi di Ubi Jazz rassegna Jazz veneta con artisti internazionali, per Veneto Jazz in occasione della terza rassegna Suoni nelle Ville, menzione miglior talento dal presidente della giuria Andrea Mingardi in occasione del Bologna Music Fest, presenti sul programma nazionale di Veneto Jazz estate 2008. Nel settembre 2008 è uscito Radici autoproduzione di pezzi originali; album che va a raccontare le storie più intime e personali scavando nelle “radici” di ognuno di noi.

Gli Insolito Quartet sono: Sara Righetto (voce); Pietro Girardi (Pianoforte); Massimo Tesser (Basso); Simone Gerardo (Batteria, Sequencer).

La seconda parte della serata, abbandonerà l’atmosfera jazz per esplorare la dimensione elettropop creata dall’artista rodigino RENT, già band leader del gruppo Lola Rent con cui ha conquistato grandi traguardi, che a Jesolo si propone in una nuova veste solista, presentando in anteprima alcuni brani del suo nuovo progetto artistico, in attesa della pubblicazione del suo primo album come cantautore, la cui uscita è prevista per settembre 2009. Rent (Matteo Ferrarese) muove i suoi primi passi come artista di varie esperienze nell’aprile del 1996: pubblica un libro di poesie per le Edizioni dei Dioscuri, sperimenta la pittura, fino a trovare la sintesi ideale di questi suoi talenti nella musica. E’ dopo la prima breve attività musicale con la band post-punk, Milena Elettrica, che approda alla nascita di un nuovo gruppo, sotto lo pseudonimo RENT. Fonda infatti i Lola Rent, band di cui diviene leader e autore dei brani, potendole così conferire esattamente la dimensione e il carattere da lui pensato e voluto e di cui aveva sentito la mancanza in passato. Ne cura con estrema puntigliosità anche l’immagine, ne realizza il logo, elevando i Lola Rent a vero e proprio progetto musicale. L’ambizione cui sarà volta la sua attività è quella di dar vita a un lavoro il più possibile vicino alla produzione e alla commercializzazione, sempre nella consapevolezza dei limiti imposti da un’esecuzione curata ma pur sempre “casalinga”.

E proprio con questa band che raggiunge traguardi significativi e le primi soddisfazioni: Nel 2003 esce per Ritmica/Audioglobe il primo album, Universalmente incompatibili, prodotto da Alex Mart. L’uscita dell’album, un manifesto di buon impatto eleva i Lola Rent a supporto di artisti quali Planet Funk, The Ark, Morgan, Le Vibrazioni, Velvet, e il primo singolo estratto, STRADE, viene utilizzato nello spot Vodafone durante la prima puntata di Festivalbar 2005. Tra Universalmente Incompatibili e la pubblicazione del singolo Solo un Motivo, che dovrebbe precedere il secondo album, RENT presta la propria voce al progetto LoveJoy, dando vita, accanto al produttore Dj Maurizio Sacchi, due brillanti singoli, Holly-Wood e Talk too Much.

Giunti ad un punto di stasi e di demotivazione artistica, i Lola Rent decidono di dividere le proprie strade. Questa è l’occasione che porta RENT a decidere di tentare la strada da solista, con rinnovato entusiasmo e con la determinazione consueta. La nuova condizione gli consente di sperimentare di nuovo e di far coesistere i suoi vari talenti a suo piacimento.

A metà serata, durante il cambio palco, il festival troverà un momento di cabaret con le incursioni di Max Pianta, esilarante e autoironico showman veneziano che ha saputo tradurre doti vocali, simpatia e l’incredibile prepotenza scenica in una personalità travolgente, dissacrante, capace di passare con disinvoltura e divertissment, da un personaggio all’altro, imitando e stravolgendo con mimica spassosa i miti della musica, dissacrandone l’aura di star e facendo propri vezzi, vizi e virtù. I venti minuti più temuti da Jesolo Music Festival che ha deciso di non sottrarsi alle sue sfrontate e irresistibili parodie…