“Il Rito” di Mikael Hafstrom

L'ultimo esorcismo

“L’inferno esiste ed è eterno, anche se non ne parla più nessuno”: questa dichiarata certezza sulla presenza del demonio, espressa dal Santo Padre in un’omelia, rappresenta ovviamente la prova che esiste (un) Dio che possa contrastarlo e sconfiggerlo.

L’esorcismo, antica forma di preghiera che la Chiesa opera come pratica di liberazione dal maligno, esiste dal 1614 ed è un rito de exorcismus et supplicationibus quibusdam che tutt’oggi viene praticato da sacerdoti provvisti di mandato vescovile. Antony Hopkins è il protagonista assoluto di The Rite, del regista svedese Mikael Hafstrom, nel ruolo di Padre Lucas, un gesuita che pratica esorcismi e che viene affiancato dal Vaticano al novizio Michael Kovak (Colin O’Donoghue), più incline a credere nella pratica psichiatrica come cura ai tormenti della mente e dello spirito.

Michael, entrato in seminario per sfuggire da un padre padrone (Rutger Hauer) e non per una reale vocazione, supererà il suo scetticismo anche grazie al conforto di una giovane giornalista (Alice Braga): entrambi, dopo una dura ed estenuante battaglia con il demonio, riusciranno ad interpretare i segni che il destino aveva loro inviato. Dalla visione di questo film, che affronta l’argomento della contrapposizione tra il bene e il male, la cui disciplina è ancora così dibattuta all’interno della Chiesa stessa, ci saremmo aspettati di più: il film non convince, pur citando in parte vicende accadute realmente, ed infonde anche nello spettatore più ben disposto una buona dose di scetticismo.

Tratto dal libro di Matt Baglio, scritto dopo che Padre Amorth – esorcista della diocesi di Roma – chiese al Vaticano di introdurre un esorcista in ogni diocesi del mondo, il film non riesce ad essere incisivo e credibile proprio quando descrive i seminari su satanismo ed esorcismo, che da anni realmente vengono tenuti in Vaticano e che rappresentano concretamente le intenzioni palesate dallo stesso Papa, allorché esortò l’Associazione Italiana degli esorcisti a “proseguire nel loro importante ministero a servizio della Chiesa”.

Girato a Budapest per gli interni e a Roma per gli esterni con inquadrature su alcune delle piazze romane con i maggiori richiami esoterici, ai quali tuttavia non si fa alcun riferimento, The Rite garantisce tuttavia una discreta tensione creata dai raffinati effetti speciali, oltre che dall’indubbia bravura di un mostro sacro come Hopkins e dall’intensità di Hauer che, anche se vistosamente invecchiato, mantiene un indimenticato sguardo magnetico.

Titolo Originale: THE RITE (IL RITO)
Regista: Mikael Hafstrom
Ispirato al libro “Il Rito” di: Matt Baglio
Sceneggiatura: Michael Petroni
Attori principali: Antony Hopkins, Colin O’Donoghue, Alice Braga, Toby Jones, Claran Hinds, Rutger Hauer
Direttore Fotografia: Ben Davis, B.S.C.

Montaggio: David Rosenbloom, A.C.E.
Musiche: Alex Heffes
Distribuzione: Warner Bros. Pictures Italia
Genere: Thriller

Durata: 112’