“TEENAGE DREAM” DI KATY PERRY

La leggerezza del pop

La cantante americana torna con il secondo album trascinato dai singoli “California Gurls” e “Teenage Dream” e con una nuova immagine.

Il pop di Katy Perry è canzonatorio, ironico, divertente. I singoli sono lanciati appositamente per colpire e scalare le classifiche. Un album però forse è troppo. Troppo perché quello che diverte e fa ballare in un brano, non può essere sufficiente per tenere in piedi un intero disco.

Oltre ai singoli California Gurls e Teenage Dream, le canzoni che sembrano funzionare di più sono Last Friday Night ( T.G.I.F.), Circe the drain e Pearl, che hanno proprio le carte in regola per essere passate nei club. Le altre suonano come buone tracce elettropop, che scorrono su sonorità gradevoli e orecchiabili, ma nulla più.

Certo, Teenage Dream è sicuramente pensato per essere un album di puro intrattenimento, dove le melodie cantate dalla bella e preparata voce di Katy Perry si muovono su un tappeto di suoni elettronici purtroppo non sempre brillante e all’altezza.
Lei come popstar è sicuramente credibile e camaleontica al punto giusto. Il duetto con Snoop Dogg e quello con Timbaland in If we ever meet again confermano che quello che le serve è qualcuno che riesca a farle utilizzare le sue doti al meglio, come avviene negli irresistibili singoli.

Per farsi conoscere dal grande pubblico bastano poche hits ben piazzate, ma per diventare qualcosa in più che una delle tante stelline del pop, bisogna saper davvero sviluppare i propri talenti.

TrackList:
1. Teenage Dream
2. Last Friday Night (T.G.I.F.)
3. California Gurls (feat. Snoop Dogg)
4. Firework
5. Peacock
6. Who Am I Living for?
7. The One That Got
8. E.T.
9. Circle the Drain
10. Pearl
11. Hummingbird Heartbeat
12. Not Like the Movies