Asolo è una cittadella della cultura, un concentrato di bellezza nell’Alto Trevigiano conosciuto in molti da ogni parte del mondo. A renderla grande la capacità di rinnovare la sua attrattiva culturale nel senso più generale del termine, rendendola così oltre che semplicemente una “bella cornice” anche cittadella da vivere.

Da martedì 1 settembre e fino a lunedì 14 i promotori della 42^ edizione del Festival internazionale di musica da camera organizzano nella chiesa medioevale di San Gottardo una serie di concerti che vanno sotto il nome di Incontri Asolani.
Il mio canto, libero è il titolo del primo concerto, che si terrà martedì primo settembre e vedrà il tenore inglese Ian Bostridge e la pianista italiana Saskia Giorgini interpretare una scelta di Lieder di Beethoven e di Schubert.
I violini di Klaidi Sahatçi e Elisa Spremulli, le viole di Vladimir Mendelssohn e Daniel Formentelli e i violoncelli di Enrico Dindo e Luigi Puxeddu suoneranno giovedì 3 settembre il Sestetto op. 85 di Strauss e il Souvenir de Florence di Čajkovskij. Sabato 5 settembre la farà da padrone Giuseppe Tartini, troppo spesso vittima di disattenzione da parte degli ambienti musicali cui verrà dedicata l’intera serata: Tartini, la morte e il diavolo, itinerario narrativo a cura di Sergio Durante. La voce narrante sarà quella di Roberto Citran; ascolteremo Federico Guglielmo al violino solista insieme all’Arte dell’Arco a cui si uniranno Diego Cantalupi al liuto, Francesco Galligioni al violoncello e Roberto Loreggian al clavicembalo
Un’altra voce, quella di Elio, e un altro viaggio nel tempo, ma questa volta nella Vienna del XIX secolo gli ingredienti del successivo appuntamento di mercoledì 9 settembre. Un trust dei cervelli musicali dell’epoca: l’impresario Barbaja, il vecchio Salieri, l’ormai famoso Beethoven, l’ancora sconosciuto Schubert e il ricordo di Mozart. Ettore Pagano e Alessandro Benigni rispettivamente violoncello e fortepiano aggiungeranno il colore musicale a questa pellicola di viaggio e (ri)scoperta.
Venerdì 11 settembre si esibirà in recital Gloria Campaner, affermata e riconosciuta come sincera e talentuosa interprete al pianoforte. Lunedì 14 settembre il Philharmonic String Quartet, composto dei talenti brillanti della possente scuderia della Berliner Philharmoniker interpretareà tre quartetti di Haydn, Mozart e Beethoven.

Incontri Asolani, XLII Festival Internazionale di Musica da Camera 2020 è realizzato con il sostegno di MIBACT, Regione Veneto, Comune di Asolo e Parrocchia Di Asolo e vanta anche il sostegno del Gruppo Pro-Gest, Hausbrandt Trieste 1892, nonché di Centromarca Bancae Tenuta 2castelli.

Asolo Musica  ha adeguato le proprie norme di sicurezza in ottemperanza all’ordinanza del Ministero della Salute del 16 agosto 2020.
Gli accessi alla chiesa di San Gottardo sono controllati e accessibili previa misurazione della temperatura corporea e l’obbligo della mascherinA.

I concerti iniziano alle 20:45: il costo dei biglietti è Intero € 25,00 e ridotto € 20,00 riservato ai Soci di Asolo Musica e alle persone fino ai 26 anni e oltre i 65 anni.

Biglietto #saltalacoda su www.boxol.it/asolomusica