“LARS E UNA RAGAZZA TUTTA SUA” di CRAIG GILLESPIE

Una delicata favola moderna

Torino 25
Lars è un timido e bislacco ragazzo che parla sottovoce, si veste come un settantenne, non vuole essere toccato da nessuno e vive in un garage. Quando finalmente comunica a suo fratallo e alla cognata di essersi innamorato e che la sua nuova fidanzata è venuta a fargli visita, si risveglia nei suoi famigliari un facile entusiasmo. Peccato che la ragazza, Bianca, non sia esattamente come tutti se l’aspettavano…

Bianca è, infatti, una real doll, una bambola in silicone “anatomicamente perfetta”. Ma per Lars è semplicemente la sua fidanzata. Lars le parla, le offre da mangiare, la ama con grande rispetto.
Dopo lo sgomento iniziale, il fratello Gus e la cognata Karen decidono di interpellare il loro medico, la dottoressa Dagmar, che consiglia loro di assecondarlo nella sua illusione.
Bianca diventa così, poco per volta, protagonista della vita sociale del paesino del Midwest in cui il film è ambientato. La sua agenda è fitta di impegni e Bianca deve districarsi tra lavoro, volontariato, riunioni del Comitato scolastico. Anche la giovane e tenera Margo, nemmeno troppo segretamente innamorata di Lars, si relaziona con Bianca come se fossero buone amiche. Bianca diventa il pretesto per tutto il paese di riscoprire i rapporti umani, di ricominciare a parlare, ad aiutarsi l’uno con l’altro.

Il film ha i ritmi, la luce, le ambientazioni di una bella favola moderna ed è il secondo lungometraggio di Craig Gillespie, australiano di nascita, statunitense di adozione,un passato di regista pubblicitario.
Momenti esilaranti di puro divertimento e altri più intimi affrontano il tema della solitudine e dell’isolamento con una grande levità narrativa e una originalità che, in mezzo a tanti drammi e tragedie presentati al Festival di Torino, portano una ventata di novità e buonumore. Merito anche della frizzante sceneggiatura di Nancy Oliver che è tra l’altro autrice di alcune puntate della serie televisiva Six feet under.

La scelta di girare il film in una cittadina semiabbandonata nei pressi di Toronto nel periodo invernale, con cieli nuvolosi, luce soffusa e paesaggi innevati, sottolinea il senso di solitudine del protagonista.
Ryan Gosling, candidato all’Oscar 2006 per Half Nelson, si riconferma come uno dei migliori attori giovani in circolazione nel panorama americano, in grado di passare dal ruolo di ambizioso avvocato (ne Il caso Thomas Crawford, a quello del timido e impacciato Lars.

Gli fanno da spalla Paul Schneider – che presto si vedrà sullo schermo in L’assassinio di Jesse James da parte del codardo Bob Ford – nel ruolo dell’fratello, e Emily Mortimer nel ruolo di sua moglie Karin, che fin dalle prime inquadrature mostra la propria dolcezza e compassione nei confronti di Lars.
L’uscita nelle sale italiane è prevista per gennaio 2008: il consiglio è di non perdersi questo delicato racconto per immagini. Si esce dalla sala con un bel bagaglio di emozioni positive.

Lars e una ragazza tutta sua
Titolo originale: Lars and the Real Girl
Nazione: U.S.A.
Anno: 2007
Genere: Commedia, Drammatico
Durata: 106′
Regia: Craig Gillespie
Sito ufficiale: www.larsandtherealgirl-themovie.com
Sito italiano: http://www.screenweek.it/lars

Cast: Ryan Gosling, Patricia Clarkson, Emily Mortimer, Kelli Garner, Paul Schneider, Boyd Banks, Tommy Chang, Lindsey Connell, Maxwell McCabe-Lokos, Annabelle Torsein
Produzione: Sidney Kimmel Entertainment
Distribuzione: DNC
Data di uscita: Gennaio 2008 (cinema)