Elena Sofia Ricci protagonista del capolavoro di Tennessee Williams. Giovedì 23 febbraio, alle ore 20.30, debutta ne “La dolce ala della giovinezza”, al Teatro Malibran dove, per i lavori in corso al Goldoni, vanno in scena sino a maggio gli spettacoli della stagione di prosa veneziana.

Lo spettacolo, in cartellone fino a domenica 26 febbraio, (recite il 24 e il 25 alle 19, domenica alle 16) è prodotto da Fondazione Teatro della Toscana, Best Live. Alla regia Pier Luigi Pizzi, che ne cura anche scene e costumi. A sostenere il ritmo del racconto le straordinarie musiche composte da Stefano Mainetti e i giochi di luci di Pietro Sperduti. Sul palcoscenico anche Gabriele Anagni, nel ruolo del protagonista maschile, e gli attori Chiara Degani, Flavio Francucci, Giorgio Sales, Alberto Penna, Valentina Martone, Eros Pascale, Marco Fanizzi, Max Odierna.

Una storia di resurrezione quella tradotta da Masolino d’Amico. Sotto ai riflettori una donna al limite del delirio, sull’orlo dell’abisso. Alexandra del Lago interpretata da Elena Sofia Ricci è una star del cinema in declino, alcolizzata e depressa, in fuga da quello che crede rivelarsi un insuccesso: il suo ultimo film. Cerca per questo un rimedio alla solitudine nelle braccia di un gigolò. L’uomo, giovane e bello, è un attore fallito in cerca di rilancio ma destinato ad una triste fine, almeno fino al colpo di scena immaginato da Tennessee Williams che cambia il destino della protagonista. L’opera, dopo il debutto in teatro nel 1959, raggiunse il grande pubblico solo nel 1962, quando ne fu tratto l’omonimo film con Paul Newman e Geraldine Page, per l’adattamento di Richard Brooks.