Guercino. Disegni di Palazzo Rosso. Una selezione di capolavori del pittore in mostra fino al 28 luglio a Genova

E’ stata inaugurata il 18 aprile e sarà visitabile fino al 28 luglio a Palazzo Rosso di Genova una selezione di capolavori su carta di Guercino e della scuola emiliana del XVI e del XVII secolo, che fanno parte delle raccolte del Gabinetto Disegni e Stampe. A cura di Margherita Priarone e Martina Panizzutt.

Questi bellissimi fogli, dagli anni ‘90 mai più esposti al pubblico a Genova, testimoniano la singolare abilità del Guercino come disegnatore e contemporaneamente sono esemplificativi della varietà di soluzioni e tecniche adottate dall’artista nella sua grafica, che si tratti di disegni autonomi o preparatori per dipinti e affreschi.

Di particolare pregio, i quattro fogli con Profeti e Madonna col Bambino eseguiti dal Guercino tra il 1626 e il 1627 in preparazione del ciclo di affreschi a lui commissionato per il Duomo di Piacenza. Tre sono prime idee per figure poi affrescate sulla cupola, il quarto costituisce invece uno studio di dettaglio per una più ampia scena con Adorazione dei pastori, della serie dell’Infanzia di Cristo dipinta sul tamburo della chiesa. Questi progetti sono abbozzati alcuni a matita rossa, altri a inchiostro, steso a penna e poi acquarellato a pennello; con la stessa tecnica si segnalano ancora un’insolita scena di genere con Soldati che contano denari e un delicato Paesaggio campestre, mentre a carboncino grasso è un bellissimo foglio, di grandi dimensioni, con Nudo inserito in un paesaggio, uno dei più bei disegni noti dell’artista, di una modernità e poesia senza tempo.

Questi disegni vennero acquistati a Bologna dal marchese Marcello Durazzo direttamente dagli eredi della bottega di Guercino, con il tramite di un amico artista e furono poi legati alla città, insieme a molti altri di scuola genovese e non solo, nel 1848, andando a costituire il primo nucleo delle raccolte grafiche del Gabinetto Disegni e Stampe di Genova, che conta poco meno di 10mila disegni, con capolavori di grandi maestri come Arcimboldo, Correggio, Guido Reni, Ottavio Leoni, Giovan Battista Gaulli oltre a 7mila stampe di scuole italiane e straniere.

Per maggiori informazioni: www.comune.genova.it.

CONDIVIDI
Articolo precedenteA Venezia la XXIII edizione del Premio Internazionale Bronzi di Riace
Prossimo articoloA S. Maria di Sala (Ve) in ricordo di Luciana Boccardi, giornalista e scrittrice
Avatar
Chiara Giacobelli è una scrittrice e giornalista nata nel 1983. Si è laureata a pieni voti in Scienze della Comunicazione e poi Editoria, Comunicazione Multimediale e Giornalismo. E' iscritta all'Ordine dei Giornalisti dal 2006 e ha pubblicato undici libri, tra cui il pluri-premiato saggio biografico "Furio Scarpelli. Il cinema viene dopo" realizzato insieme ad Alessio Accardo di Sky Cinema e al critico Federico Govoni. Nel 2016 è uscito il suo romanzo d'esordio "Un disastro chiamato amore" edito da Leggereditore del gruppo Fanucci. Come giornalista collabora anche con il gruppo Cairo Editore (Bell'Italia e In Viaggio), Affari Italiani, Luxgallery, oltre a tenere un blog culturale sull'Huffington Post. Il suo sito è www.chiaragiacobelli.com, oppure potete seguirla tramite Facebook, LinkedIn e Twitter.