I migliori concerti in Veneto dal 1 al 15 luglio

Classica, sinfonia, lirica e da camera

Si confondono tra i vapori di una sauna, i corteggiamenti che i vari contendenti rivolgono a Mirandolina, protagonista dell’opera di Bohuslav Martinu che apre ufficialmente quest’edizione di Estate Fenice. Per la direzione di John Axelrod e la regia di Gianmaria Aliverta, l’opera che prende spunto dalla commedia di Carlo Goldoni si affianca così alla Traviata di Verdi, titolo di repertorio del teatro veneziano. Visto più da vicino, Estate Fenice si propone come un festival musicale della città di Venezia pronto ad offrire una serie di approfondimenti trasversali all’interno dei generi musicali più disparati. Tra nuovo e antico, ben due sono gli appuntamenti rivolti alla musica antica con l’opera di Vivaldi dei suoi contemporanei inglesi presso la Chiesa Anglicana di San Giorgio, in contrappunto alla Maratona contemporanea che promuove dieci nuove commissioni di opere cameristiche prodotte per omaggiare la figura di Morton Feldman e Niccolò Castiglioni. Il duo Fiorentini Tchorzewski si esibisce in un programma dedicato al suono del violoncello tra la fine dell’Ottocento e l’inizio del secolo successivo che include la versione di Luigi Dallapiccola della Sonata in re di Vivaldi.

Sulla scia tematica della stagione sinfonica che sta per volgere a conclusione, Juraj Valčuha propone la Nona Sinfonia di Bruckner oltre alla Passacaglia op. 1 di Webern, mentre tre appuntamenti ripercorrono i capolavori pianistici del Novecento attraverso la sensibilità di Axel Trolese, Nazzareno Carusi e Alberto Ferro. Presso la chiesa di San Trovaso invece, le sonorità dell’organo Callido avviano il Festival organistico grazie a Steffano Pellini in abbinamento al Modena Brass Quintet e al recital di Gabriele Giacomelli.

A Padova continua il Ludwig Van Festival, con la seconda tappa dell’integrale delle Sinfonie di Beethoven dell’Orchestra di Padova e del Veneto. Per l’occasione il direttore Marco Angius presenta la quarta e la sesta presso il Teatro Giardino di Villa Zuckermann, per replicare poi alla Corte del Municipio di San Pietro in Cariano.

A tutto ciò si uniscono infine ben tre titoli operistici per il Festival dell’Arena di Verona che, a partire da La Traviata, Carmen e Aida, si modulerà per l’intera estate.

TEATRO LA FENICE:

1 – 2 – 3 – 4 – 5 – 6 – 7 – 8 – 9 – 10 – 12- 13 – 14/07

CHIESA DI SAN TROVASO:

1 – 8/07

ORCHESTRA DI PADOVA E DEL VENETO:

6 – 8/07

ARENA DI VERONA:

1 – 2 – 3 – 5 – 6 – 7 – 8 – 9 – 12 – 13 – 14