I migliori concerti in Veneto dal 15 al 31 maggio

Classica, sinfonia, lirica e da camera

Mentre si susseguono le recite de La Favorite di Donizetti e Il Barbiere di Siviglia di Rossini, L’amico Fritz di Mascagni si prepara al suo debutto in un nuovo allestimento della Fondazione Teatro La Fenice per la regia di Simona Marchini, con Fabrizio Maria Carminati a capo dell’orchestra pronto a sostenere un cast vocale capeggiato da Carmela Remigio nei panni Suzel, la figlia del fattore che tra i vari impedimenti conquisterà il cuore del protagonista.

Sempre al Teatro La Fenice, per la Società Veneziana di Concerti, Massimo Somenzi e Gustavo Romero si esibiscono nell’integrale delle sette Sonate per pianoforte a quattro mani di Muzio Clementi, perle di un repertorio di così rara esecuzione da rappresentare un’occasione unica, oltre che una novità assoluta per Venezia.

Continuano i concerti del Quartetto di Venezia all’isola di San Giorgio, a completamento dell’esecuzione integrale dei Quartetti di Ludwig van Beethoven, per festeggiare la recente ristrutturazione dello squero. Tra le opere in programma, l’opus 133, meglio conosciuta come la Grande Fuga.

Per la sua terza e ultima Lezione di Suono, Salvatore Sciarrino pone l’accento sull’ascolto di Efebo con radio e dei Quattro intermezzi tratti da Luci mie traditrici, due tra gli esempi più alti del catalogo del compositore siciliano. L’Orchestra di Padova e del Veneto è diretta da Marco Angius presso la Sala dei Giganti al Liviano di Padova.

Un programma tutto francese porta a conclusione la stagione musicale al Teatro Filarmonico di Verona con Ma Mère l’Oye di Ravel, il Requiem di Fauré e le Variazioni sinfoniche per pianoforte e orchestra di Franck con Orazio Sciortino al pianoforte e Xu Zhong alla guida dell’orchestra.

TEATRO LA FENICE:

18 – 19 – 20 – 21 – 22 – 25- 26 – 27 – 28 – 29 – 30 – 31/05

AUDITORIUM ISOLA DI SAN GIORGIO:

21/05

ORCHESTRA DI PADOVA E DEL VENETO:

19/05

TEATRO FILARMONICO DI VERONA:

20 – 22/05