La programmazione di arte scenica, dopo l’emergenza sanitaria causata dal Covid-19, ricomincia anche a Dolo, riflettendo sui rapporti tra le persone, la memoria, la comunità e gli artisti. Andranno in scena compagnie e artisti che da anni hanno mantenuto un legame con questa città ed i suoi cittadini. Per cinque giorni Dolo sarà abitata dal Teatro delle Ariette con il loro spettacolo, anche autobiografico, accogliendo gli spettatori intorno a un tavolo e da Ascanio Celestini, artista e narratore di memorie dell’Italia che fu e di quella che è attraverso le storie delle persone. Il programma, giunto alla nona edizione, vuole lanciare un messaggio di vicinanza e di riflessione sulle nuove modalità dello “stare insieme” e si proietta sul futuro, custodendo il fuoco della tradizione. Il progetto è promosso dal Comune di Dolo in partnership con la Fondazione di Comunità Riviera-Miranese e il contributo della Regione del Veneto. L’ideazione e organizzazione sono curate da Echidna/paesaggio culturale. Il programma è inserito nel Progetto A>Utopie 2020 promosso dalla Rete dei 14 Comuni aderenti tra Riviera del Brenta e Miranese.

IL PROGRAMMA:

  • 16 – 17 – 18 luglio / Barchessa di Villa Concina, ore 20.15

Teatro di comunità Il TEATRO DELLE ARIETTE – TEATRO DA MANGIARE? 

di Paola Berselli e Stefano Pasquini, con Paola Berselli, Maurizio Ferraresi e Stefano Pasquini. Regia Stefano Pasquini

“Al “Teatro da mangiare?” si mangia davvero, si mangiano le cose che facciamo da ventuno anni, da quando è cominciata la nostra vita di contadini.  Si mangiano le cose che coltiviamo e trasformiamo nella nostra azienda agricola, che tiriamo fuori dalla nostra terra. Seduti attorno a un tavolo, preparando e consumando un vero pasto, raccontiamo a modo nostro la nostra singolare esperienza di contadini-attori: dieci anni di vita in campagna e di teatro fatto fuori dai teatri.  Teatro da mangiare? ha debuttato a Volterrateatro il 18 luglio 2000 e in questi anni si è comportato come un vero e proprio organismo vivente crescendo, maturando e arricchendosi dell’esperienza di oltre 900 repliche in giro per l’Italia e l’Europa.  Da allora tante cose sono cambiate nella nostra vita, ma la forza contagiosa di questo “autoritratto”, di questa pubblica confessione autobiografica, continua a sorprenderci”. Prenotazione obbligatoria – posti limitati – biglietto unico 20,00 euro (cena compresa).

  • 24 – 25 luglio / Parco Villa Concina, ore 21.15

Racconti ASCANIO CELESTINI – I 20 ANNI DI RADIO CLANDESTINA

Roma, le Fosse Ardeatine, la Memoria. Uno spettacolo di Ascanio Celestini a partire dal testo di Alessandro Portelli “L’Ordine è già stato eseguito”

“Questa sembra una storia che inizia un giorno e termina due giorni dopo, che si consuma in poche ore. Ma nel libro “l’ordine è già stato eseguito” di Alessandro Portelli, vincitore del Premio Viareggio, questa storia di poche ore viene inserita nella storia dei 9 mesi di occupazione nazista a Roma, e poi in quella dei 5 anni della guerra, dei 20 anni del fascismo: nella storia orale di Roma che diventa capitale e inizia velocemente a cambiare. “Il libro si fonda su circa 200 interviste a singole persone” a testimoniare che questa non è la storia di quei tre giorni, ma qualcosa di vivo e ancora riconoscibile nella memoria di una intera città. Il primo studio per un più ampio progetto sulla memoria orale dell’eccidio alle fosse Ardeatine è stato presentato dal 31 ottobre al 3 novembre 2000 nella cella n.11 dell’ex- carcere nazista di Roma a via Tasso (oggi Museo della Liberazione) per la manifestazione Luoghi della Memoria organizzata da Comune di Roma e Teatro di Roma. “Sono passati vent’anni e i miei racconti stanno ancora in quella stanza. Nei pochi metri quadrati che occupano le scenografie di tutti gli spettacoli che ho portato in scena dopo” (Ascanio Celestini)”. Prenotazione obbligatoria – posti limitati – biglietto unico 10,00 euro. In caso di maltempo lo spettacolo di Ascanio Celestini si terrà al Cinema-Teatro Italia. 

Informazioni e prenotazioni:

Echidna/paesaggio culturale tel.  371.1926476 – 340. 9446568  www.echidnacultura.it info@echidnacultura.itwww.comune.dolo.ve.it