Palazzetto Bru Zane, “Tanti baci da Roma”

Dopo mesi di chiusura forzata ed eventi online, il Palazzetto Bru Zane riapre i battenti con il festival Tanti baci da Roma. Dal 14 maggio al 13 luglio una serie di concerti e conferenze proporranno opere composte per il prix de Rome.
Istituito nel 1803, il prix de Rome per la musica consentì all’élite dei compositori francesi di trascorrere più anni di formazione in Italia. Il concorso e il successivo soggiorno a Roma furono oggetto di desiderio e di invidia, suscitando intrighi e controversie. Il concorso del prix de Rome era il più ambito lasciapassare dell’istruzione artistica francese, non solo perché contrassegnava l’élite della nazione, ma anche perché assicurava ai vincitori sussidi e una carriera una volta tornati dall’Italia, sia col conferimento di cattedre di insegnamento sia con commissioni da parte dello Stato.
I soggiorni romani assumono un alone di leggenda, di cui si sa poco. In occasione del festival di primavera, il Palazzetto Bru Zane intende svelare una parte dei misteri del pensionato a Villa Medici. Le musiche scritte in Italia, i cosiddetti envois, gli “invii da Roma”, coprono uno spettro assai ampio, che va dall’opera e dalla sinfonia alle mélodies e alla musica da camera.
Poiché l’origine italiana della maggior parte degli invii spesso non viene rivelata quando i lavori in questione raggiungono la fama (le Ariettes oubliées di Debussy, Le Soir di Gounod, l’ouverture Rob-Roy di Berlioz per esempio), pochi argomenti parlano a favore di un soggiorno in cui il dolce far niente sembra prevalere sul lavoro vero e proprio. Peraltro, ciò significa ignorare gli scambi artistici appassionati, le produzioni smisurate e le polemiche senza fine che ne derivarono.
Qui gli eventi in programma.
Luca Benvenuti