“FALLING… IN LOVE” di Wang Ming-Tai

L’amore che cade nell’incomprensione.

Giornate degli Autori
Taiwan ci propone una pellicola dai temi e sentimenti moderni ed affascinanti, ma raccontati con uno stile e con elementi lontanti dalla nostra sensibilità.

Alan, Angel, Belle e gli altri presonaggi di questo film hanno una cosa in comune: fanno soffrire chi amano o soffrono per amore, ma, nonostante questo filo li unisca e attraversi tutta l’intricata vicenda che li coinvolge, sono allo stesso tempo contrapporsti e in conflitto tra loro per le modalità con cui interagiscono e amano.

Alan è un po’ il centro di questa rete di complicati rapporti: alcuni anni prima Belle lo lasciò per sposarsi con un altro. Il ragazzo, ferito e rimasto solo, ora si trova in una strana relazione con Angel: ogni cosa facciano l’uno per l’altra per dimostrarsi il reciproco affetto, si trasforma in un ostacolo per l’altro. Belle ha lasciato il marito che l’ama per una solitudine che casualmente la riavvicina ad Alan. Questo si allontana da Angel per un’altra donna, che ha sua volta ama un altro che l’ha lasciata, ma che nel finale si ripresenta con tutta la sua possessività e gelosia…

Se non vi è chiaro quest’ultimo paragrafo e la dinamica degli eventi vi sembra lacunosa nelle cause e nelle motivazioni, allora siete entrati nello spirito del film. Il tema e i personaggi sono intriganti e interessanti, anche grazie alla cura dei dettagli ricchi di significato tipica del cinema orientale che conferiscono spessore e veridicità alle figure, ma le azioni e i comportamenti che si susseguono non risultano comprensibili in se stessi e soprattutto nella loro correlazione.

Gesti aggressivi e violenti stridono contro dimostrazioni di un amore convinto e disperato, crudeltà e affetto si mescolano e si confondono, in un continuo avvicinarsi e allontanarsi, sentire il bisogno dell’altro e cercare di sfuggirgli. Atteggiamenti contraddittori che confondono lo spettatore, o meglio, non lo fanno entrare completamente nella storia, tuttavia rendono esplicito lo stato di instabilità e crisi dei personaggi “caduti” in un amore infelice e senza pace.

La serenità verrà ricercata in un misticismo, nel tempio di Taki An Jinja a Hokkaido, legato comunque ad un’azione che ha radici nella tradizione di un mondo molto lontano dal nostro, che affascina, ma risulta difficile da comprendere.

Titolo originale: Falling… in love
Nazione: Cina
Anno: 2005
Genere: Drammatico
Durata: 100′
Regia: Wang Ming-tai

Cast: Lan Cheng-Lung, Lee Kang-Yi, Wan Fang, Shu Hui-Ying
Produzione: Sky Film Co.

Data di uscita: Venezia 2005