“Juno” di Jason Reitman

Un altro successo per Reitman

Quest’ultimo film di Jason Reitman, forse noto al grande pubblico per Thank you for smoking ci presenta in una chiave piuttosto umoristica, grazie all’esilarante sceneggiatura dell’ormai celebre blogger Diablo Cody, la storia di una ragazza che si trova a dover affrontare una gravidanza del tutto imprevista. Juno dimostra, nonostante la sua giovane età, una maturità sorprendente nel prendere una decisione così difficile per una teenager, che comporterà uno stravolgimento radicale nella sua vita ma soprattutto nella sua coscienza.

Juno Mac Guff (Ellen Page) rimane incinta di Bleeker (Michael Cera) una sera in cui si annoiava e non voleva guardare il solito film alla TV.
Consultandosi con la sua amica Leah (Olivia Thirlby), Juno decide che la cosa migliore da fare sia far adottare il bambino. Cercando tra i vari annunci sul giornale, i Loring sembrano essere la famiglia ideale e Juno decide che saranno loro i futuri genitori.

Il personaggio di Juno si rivela fin dall’inizio come un “character” piuttosto atipico, completamente al di fuori da qualsiasi cliché predefinito. Prendendo spunto semplicemente dalla coraggiosa scelta di non abortire, ma di portare a termine la gravidanza, possiamo notare come la figura di Juno, e della sua famiglia che la assiste, seppure dopo qualche titubanza iniziale, appartengano ad uno spaccato di società tutto sommato abbastanza inedito, per così dire “sui generis”, in netto contrasto con la tipologia familiare americana più classica, da sempre vessillo di una collettività schiava delle convenzioni e che affonda le sue radici nella ossessiva ostentazione di una formalità coatta.
La protagonista ha un carattere deciso e schietto. Dopo aver appreso di essere incinta, non si sconvolge più di tanto come ci si aspetterebbe da una ragazza della sua età e prende in mano la situazione decidendo di tenere il bambino.

Oltre a voler sfatare questo tabù delle gravidanze precoci, la pellicola di Reitman invita a riflettere soprattutto sulla psicologia degli adolescenti di oggi, caricati forse di una libertà che non sono in grado di gestire, e che a volte si ritrovano inaspettatamente a dover decidere su problemi spesso più grandi di loro.
Il regista mescola sapientemente una ben congegnata sceneggiatura, e un apparato ideologico importante, che riesce a sdrammatizzare grazie a una fluidità di racconto decisamente ben riuscita.
L’attrice protagonista, Ellen Page, è straordinaria nel suo ruolo che sembra quasi esserle stato cucito addosso.
Juno è stato premiato come miglior film nella seconda edizione della Festa del Cinema di Roma con il Marco Aurelio d’Argento.

Titolo originale: Juno
Nazione: U.S.A.
Anno: 2007
Genere: Commedia, Drammatico
Durata: 92’
Regia: Jason Reitman
Sito ufficiale: www.foxsearchlight.com/juno/
Cast: Ellen Page, Michael Cera, Jennifer Garner, Jason Bateman, Olivia Thirlby, Allison Janney, Rainn Wilson, J.K. Simmons, Candice Accola, Cameron Bright, Daniel Clark
Produzione: Fox Searchlight Pictures, Mandate Pictures, Mr. Mudd
Distribuzione: 20th Century Fox
Data di uscita: Roma 2007
04 aprile 2008 (cinema)