“TAKESHIS'” DI TAKESHI KITANO

Kitano raddoppia ma non convince

Concorso
Il regista giapponese presenta «a sorpresa» il suo nuovo film.

Durante i titoli di testa il pubblico ha accolto con entusiasmo il film di Kitano. Era stato annunciato come «film sorpresa» (rispettando la richiesta di regista e produttori, dichiara Müller), ma già da qualche giorno si sapeva che la sorpresa era in arrivo dal Giappone. L’ultimo dubbio l’aveva tolto il direttore della Mostra smentendo una possibile presenza di Terrence Malick (pare stia ancora discutendo con New Line il montaggio definitivo di “A New World”).

Takeshi Kitano è una vecchia conoscenza della Mostra veneziana: più volte ha presentato qui i suoi film e nel 1997 ha vinto il Leone d’oro con “Hana-bi”. Questa volta il regista giapponese spiazza tutti e si presenta in chiave autoironica e autobiografica, ritagliandosi un doppio ruolo, quello di Beat Takeshi, stella della tv, e quello di Mr. Kitano, suo biondo sosia. Ed è proprio attorno a quest’ultimo, sognatore incallito, che ruota il racconto del film, affollato di personaggi curiosi che continuamente escono di scena per poi rientrarvi poco più in là. Si ha però l’impressione che, nonostante una confezione impeccabile e qualche squarcio di sano divertimento, il film giri un po’ a vuoto, appesantito forse da un’eccessiva ambizione che coglie tanti registi a un certo punto della loro carriera. Insomma, un passo falso nel quadro di una produzione che negli ultimi quindici anni ci ha regalato tanti film splendidi.

Alla fine della proiezione, gli applausi sono più che altro di circostanza.

Titolo originale: Takeshis’
Nazione: Giappone
Anno: 2005
Durata: 108’
Regia: Takeshi Kitano
Sceneggiatura: Takeshi Kitano
Montaggio: Takeshi Kitano
Sito ufficiale: www.filmpressplus.com/surprise
Cast: Takeshi Kitano (Beat Takeshi/Mr. Kitano), Kotomi Kyono, Kayoko Kishimoto, Ren Ohsugi, Susumu Terajima, Tetsu Watanabe, Akihiro Miwa
Film sorpresa In Concorso. Venezia 62/2005