“The Program” di Stephen Frears

La storia perfetta. Ma falsa

Lance Armstrong, divino pedalatore, star del mondo dello sport, influencer, alfiere della lotta contro il cancro, trionfatore di sette Tour De France. E bugiardo. Menzogne articolate le sue, calibrate al millimetro (o al grammo) e perfettamente “programmate”. Una storia incredibile, una favola perfetta, ma falsa.

L’esperto regista inglese Stephen Frears torna al biopic dopo The Queen (e la commovente storia vera di Philomena) per raccontare la vicenda del più famoso ciclista americano al mondo. Una carriera costellata di fatiche e privazioni, passando dalla lotta contro la malattia ai successi epocali alla corsa a tappe che ogni corridore vorrebbe vincere. Ma quel giovane rampante, troppo muscoloso per affrontare le Alpi sul sellino, non è mai stato disposto a subordinare la propria fame di vittoria alla fisiologia. Da Austin ai Pirenei con una sola missione: piegare la Natura a proprio vantaggio. Così la sterminata ambizione del texano dallo sguardo determinato e risoluto ha avuto la meglio sull’etica, affondando le radici del suo successo nella piaga più diffusa nel mondo dello sport: il doping.

La vicenda è nota. Dai trionfi di Armstrong e del “treno blu” della U.S. Postal (il suo team al Tour) in Francia alla costruzione mediatica di un idolo delle folle, nella miglior tradizione dello spettacolo americano, The Program racconta una parabola emblematica non solo per le ripercussioni che la storia di Lance ha avuto sul ciclismo e sul professionismo sportivo, ma anche per l’evidente parallelismo con una società sempre più disposta a concedere che il fine giustifichi i mezzi, sempre.

L’ossessione di Armstrong per la vittoria, la mestizia di un mondo trasversalmente dopato, travalicano i confini dello sport e toccano il tessuto delle relazioni umane in cui solo chi emerge ha ragione, dove non c’è spazio per l’uguaglianza se non per garantire il successo di chi spinge l’asticella sempre un po’ più in alto, a qualunque costo.

The Program si basa sulla ricostruzione dei fatti di David Walsh, giornalista sportivo del Sunday Times (l’omonimo libro è pubblicato in Italia da Serling e Kupfer), uno dei primi a mettere in dubbio la gloria accumulata disonestamente da Armstrong. Ma Frears non si sofferma esclusivamente sull’ascesa e la caduta del campione, sui suoi rapporti sospetti con “il padrino del doping” Michele Ferrari e sulla scientifica elaborazione di una menzogna divenuta presto stile di vita. Quello che emerge ancora di più è la glaciale simbiosi tra la sete di idoli del pubblico e un modello di business che preferisce le grandi performance alla tradizionale etica della fatica, pronta a svalutare onestà, credibilità e onorabilità in cambio dell’ennesima prova di forza che, in fondo, confermi che c’è sempre qualcuno “migliore” degli altri.

Titolo originale: The Program
Nazione: Regno Unito, Francia
Anno: 2015
Genere: Drammatico
Durata: 103′
Regia: Stephen Frears
Sito ufficiale: www.theprogrammovie.com
Cast: Lee Pace, Ben Foster, Chris O’Dowd, Dustin Hoffman, Jesse Plemons, Bryan Greenberg, Elaine Cassidy, Laura Donnelly, Guillaume Canet, Edward Hogg, Barrie Martin, J.D. Evermore
Produzione: StudioCanal, Working Title Films
Distribuzione: Videa CDE
Data di uscita: 08 Ottobre 2015 (cinema)