15 anni di carriera, 3 milioni di copie vendute, 52 dischi di platino, 9 dischi d’oro, 700 milioni di stream. È sempre emotiva, ma ora è adulta, Alessandra Amoroso che, secondo alcuni rumors, con la sua “Fino a qui” sarebbe una delle candidate alla vittoria del 74esimo Festival di Sanremo e da oggi nella top 10 di Earone. Arriva così alla conferenza stampa, Alessandra. Emozionata, ma determinata, felice di aver portato la sua terra, il Salento, al Festival di Sanremo, in questa che per lei è la prima volta, con una canzone autobiografica, della quale è anche coautrice, una “taglia unica”, come l’ha definita lei stessa.

Per me questo Sanremo è un nuovo inizio – dice – Significa vedermi nella totalità di questi 37 anni. Ho sempre detto che sarei andata a Sanremo con il brano giusto. Venivo da un periodo di distacco, ma quando ho incontrato la canzone ho capito che era il momento giusto per questa cosa grande, gigante. Oggi mi sento pronta ad affrontare tutto“.

Dopo l’ondata d’odio che l’ha travolta, si mostra a testa alta. Finalmente serena. “Ho lavorato per avere questa serenità. Ho accanto persone che mi aiutano. Finora non sono mai riuscita a vivere la meraviglia della mia passione. Sento molto amore. Lo vedo negli occhi delle persone, lo vedo nei vostri occhi e questo mi tranquillizza perché evidentemente in questi 15 anni qualcosa di buono l’ho dato. È difficile vivere con leggerezza sui social, soprattutto per chi come me non ha la fortuna di essere accompagnata in un percorso. Io credo che la cosa importante sia chiedere aiuto, parlare, senza vergogna. Io tante volte ho giustificato la cattiveria. Però purtroppo esiste, in qualsiasi lavoro, nessuno escluso. Bisogna dare la giusta importanza a tutto questo, cioè pochissima“.

Riti scaramantici prima di salire sul palco? “La chiamata di mamma che mi augura in bocca al lupo. Io ho tanto della Sandrina di prima di Amici, e la custodisco gelosamente. Mi sono sentita spesso fuori luogo. Mi sono auto giudicata e auto sabotata sempre, ovunque. Oggi faccio i complimenti a quella ragazza che ha affrontato tutto“.

L’artista, che quest’anno celebra 15 anni di straordinaria carriera, tornerà live dal 1° dicembre con “Fino a qui in tour”, 13 date nei palasport delle principali città italiane.

Queste le date:

1 dicembre – EBOLI – PALA SELE

3 dicembre – BARI – PALA FLORIO

4 dicembre – BARI – PALA FLORIO

6 dicembre – BOLOGNA – UNIPOL ARENA

7 dicembre – PADOVA – KIOENE ARENA

9 dicembre – MILANO – FORUM

10 dicembre – MILANO – FORUM

12 dicembre – FIRENZE – NELSON MANDELA FORUM

15 dicembre – TORINO – INALPI ARENA

18 dicembre – ROMA – PALAZZO DELLO SPORT

19 dicembre – ROMA – PALAZZO DELLO SPORT

21 dicembre – NAPOLI – PALA PARTENOPE

22 dicembre – NAPOLI – PALA PARTENOPE

Biglietti in prevendita su Ticketone.