“Green Book” di Peter Farrelly

Tony “Lip” Vallelonga è un buttafuori con un cuore grande e l’intelligenza vivace di chi è cresciuto nelle strade del Bronx: il soprannome (Lip) glielo hanno dato i suoi compagni di scuola, perché riusciva sempre ad averla vinta grazie alla sua parlantina. Il suo approccio alla vita è quanto mai semplice: ama sua moglie, i suoi bambini e la sua grande famiglia di amici italiani. Quando il locale in cui lavora chiude per alcuni mesi deve trovare un nuovo lavoro. Quella opportunità gliela offre Don.

Don Shirley è un pianista e compositore, raffinato intellettuale dai modi aristocratici e riservati. Vive in un appartamento lussuoso sopra la Carnagie Hall,  pieno di ricordi. Ha bisogno di un autista e tuttofare che lo accompagni in una tournée di concerti nel Sud degli Stati Uniti. Soprattutto, Don è afroamericano, e il Green Book è la guida che Tony dovrà usare per le sistemazioni alberghiere del suo nuovo capo.

Per quanto possa sembrare pazzesco, The Negro Motorist Green Book era la guida a ristoranti e hotel che accettavano viaggiatori afromaericani.  Venne pubblicata dal  1936 al 1966, ed era conosciuta semplicemente come  The Green Book, dal nome del suo ideatore ed editore, il commesso viaggiatore Viktor Green.

Green Book, il film, racconta invece la storia – vera – di un viaggio  in cui l’autista è bianco e il datore di lavoro è nero. Dalle parti del 1962 questa accoppiata era piuttosto anomala, e ancor più se la destinazione sono il Sud degli Stati Uniti. Il racconto di questo viaggio diventa un road movie attraverso il razzismo e l’intolleranza dell’America del 1962, nonché la storia dell’amicizia sincera tra due uomini profondamente diversi, che impareranno molto l’uno dall’altro, superando differenze e stereotipi.

Tony capirà – e noi con lui – che cosa significhi vivere negli stati segregazionisti, arrivare nelle città in cui le leggi sul coprifuoco hanno reso illegale per i neri stare fuori dopo il tramonto. Oppure luoghi in cui un musicista geniale come Don Shirley  può suonare per i ricchi bianchi, ma non può mangiare nel loro stesso ristorante.

Green Book, pur mantenendo i toni della commedia intelligente e a tratti commovente, assume quindi una valenza anche politica, perché ci fa sorridere e commuovere, senza trascurare temi importanti e, purtroppo, sempre attuali.

La storia di Tony e Don è prodotta dal figlio di Tony, Nick Vallelonga (nel film ha il piccolo ruolo del boss mafioso Augie), che negli anni Ottanta iniziò a registrare i racconti di suo padre e a intervistare Don, con l’idea di farne un film. Ma Don gli fece promettere di non realizzarlo se non dopo la sua morte, avvenuta nel 2013, a pochi mesi di distanza da quella di Tony.

Tutto funziona in Green Book come in un ingranaggio ben oliato: sceneggiatura, fotografia, montaggio, una colonna sonora con il meglio del blues e del jazz dell’epoca. E naturalmente  straordinari interpreti: Viggo Mortensen quasi irriconoscibile, ingrassato di 21 chili per interpretare il corpulento Vallelonga che parla un italiano con un forte accento, ma gesticola come un italiano vero,  e Mahershala Ali nel ruolo dell’elegante Don Shirley. I dialoghi che nascono chiusi nello spazio ristretto dell’auto tra un macho e un erudito sono il principale ingrediente dell’umorismo che attraversa tutto il film.

La maggior parte degli episodi narrati corrisponde alla realtà cosi come raccontata da Tony e Don a Nick Vallelonga, autore della sceneggiatura con il regista Peter Farrelly e Brian Currie. Per saperne di più su realtà e finzione c’è History Vs. Hollywood.

Il genio non basta. Ci vuole coraggio per cambiare il cuore degli uomini” dice uno dei musicisti che accompagnano Don. Ecco Green Book racconta il genio e il coraggio di due uomini che, ognuno a modo loro, sfidarono insieme l’ignoranza.

Titolo Originale: Green Book
Nazione USa
Anno: 2018
Durata 139′
Regia: Peter Farrelly
Sito Ufficiale: www.greenbookfilm.com/
Cast: Viggo Mortensen, Mahershala Ali, Linda Cardellini, Sebastian Maniscalco, Dimiter D. Marinov, Mike Hatton, P.J. Byrne, Joe Cortese.
Data di Uscita: 31 gennaio 2019 (cinema)