Tra gli eventi più attesi e dai sviluppi più interessanti che hanno avuto luogo nel corso di Art Basel Hong Kong 2019, senza dubbio ha destato parecchio interesse il party organizzato da UCCA Center for Contemporary Art e dal Los Angeles County Museum of Art (LACMA), che per la prima volta hanno unito le forze per creare una serata che fondesse oriente ed occidente, creando un ponte culturale tra due mondi e culture, che hanno più assonanze di quello che si potrebbe immaginare.

Nato dall’idea della Principessa Alia Al-Senussi e da Dino Sadhwani, e realizzato grazie al sostegno di MGM Resorts Art & Culture, a cura di Jason Swamy, fondatore dell’agenzia “Do What You Love” e prodotto da COI Communications, l’evento a tema, chiamato “The Endless Voyage of the Grand Nomad” è stato un’entusiasmante avventura attraverso diversi regni in un’esplorazione marittima inusuale.

La collaborazione tra LACMA che UCCA Center for Contemporary Art ha voluto dire anche l’unione di due leader visionari, Michael Govan e Philip Tinari, entrambi con l’ambizione di avere un impatto significativo attraverso le arti visive negli Stati Uniti e in Cina.

Tinari ha guidato l’UCCA attraverso un periodo di crescita, nuovi programmi e nuove strutture, mentre Govan ha portato LACMA ad espandere la sua presenza in Cina attraverso la recente collaborazione del museo con lo Yuz Museum di Shanghai e una serie di importanti acquisizioni di arte cinese, tra cui la collezione Gérard e Dora Cognié.