Un drammatico docu – film che parla di una tragedia realmente accaduta nel 1977 nella comunità di Manawan, popolata dagli indigeni Atikamekw, nel Nord del Canada, e ci fa entrare in un mondo e in una remota cultura della quale si sa ben poco.

La pellicola percorre le lunghe, faticose richieste degli indigeni affinché venissero svolte indagini serie riguardo alla morte in circostanze sospette di cinque persone di quella comunità. Nonostante prove che apparivano evidenti di omicidio, le morti furono attribuite ad annegamento come esito di un incidente d’auto. I possibili autori del crimine, due yankees, non sono mai stati accusati.

La regista si accosta al dolore dei parenti con delicatezza, riguardo e empatia, andando tuttavia a fondo delle singolarità di quella cultura così mite, paziente, saggia e profondamente spirituale. Anche le immagini del paesaggio, dalle tinte tipiche delle località molto nordiche, contribuiscono visivamente a rappresentare un mondo che è rimasto a parte rispetto al resto dello Stato, conservando specificità antiche.

La regista canadese Chloé Leriche con questo suo secondo lungometraggio è stata in concorso al 41° Torino Film Festival.